Media

1^ COPPA FARO PESARO CRONOSCALATA DI AUTOSTORICHE DAL 12 AL14 OTTOBRE

Ritorna a Pesaro dopo quasi mezzo secolo la “Coppa  Faro”, cronoscalata riservata alle sole     autostoriche, con validità nazionale. Un  appuntamento fortemente voluto da un appassionato  pilota Pesarese coadiuvato da un  gruppo di altretanto appassionati marchigiani composto da organizzatori e piloti, decisi a rilanciare una gara che ebbe tanto successo negli anni ’70.
L’organizzatore è la “P & G Racing srl”; la manifestazione si avvale del fattivo contributo e patrocinio di molti enti ed associazioni cittadine quali: Comune di Pesaro, Ente Parco San Bartolo, Terra di Piloti e Motori, Provincia Pesaro-Urbino, Rotary Club Pesaro Rossini e Moto Club Benelli Pesaro.
L’ultima edizione disputata il 28 maggio del 1970, vide la vittoria dell’indimenticato specialista siciliano Pietro Lo Piccolo con la Ferrari Dino.
Il percorso ricalca quello storico di 3,800 Km portato in questa nuova versione a 4,100, che si arrampicano dalla suggestiva Baia Flaminia, fino al Faro che sovrasta il Porto di Pesaro, nello splendido scenario del Parco Naturale del San Bartolo, due manche di prove e di gara su un misto tecnico e veloce tutto da guidare.
La “nuova” edizione della Coppa Faro prevede anche il coinvolgimento di Auto d’Epoca e Super Car stradali, che con una parata daranno il via alla competizione.
Le iscrizioni sono già aperte e si chiuderanno l’8 ottobre, la scheda per iscriversi come tutti gli orari, il percorso e le informazioni riguardanti hospitality e contatti per i piloti interessati e per gli appassionati, sono disponibili sul sito della gara : https://coppafaro.com .

Comunicato Stampa n. 1 del 17/09/2018


Coppa Faro- Viaggio nella memoria

Dorino Serafini

Proviamo a ricostruire con alcuni cenni storici le precedenti edizioni della “Coppa Faro”. Una storia breve ma comunque intensa, ricavata dalle rare e sintetiche memorie sulla stampa e pubblicazioni varie, a carattere prevalentemente locale, in epoca mediatica ancora “primordiale”, quindi ci scusiamo per involontarie imprecisioni ed omissioni. La prima edizione venne disputata nel 1950, intitolata “Coppa Camera di Commercio”.  Al via si presentarono diversi piloti di Pesaro e Fano, oltre che da altre città marchigiane, pronti come in una specie di derby calcistico ad emulare le gesta dei più celebri pesaresi, Dorino Serafini e Giorgio Cecchini, “professionisti” del volante.
La vittoria andò al fanese Enrico Adanti con la Fiat Stanguellini 1.100, seguito da Amleto Boattini , Fiat 1.100 e Cellino Mazza, Alfa Romeo. Lotta al fulmicotone nella affollata Classe “750”, dove il pronostico era diviso fra Mattioli e Maroccini, reduci dalla Mille Miglia, entrambi al volante della piccola belva Fiat “Siata Sport”. Invece   a causa di problemi di motore per Mattioli, ed un testa coda al tornante di Villa Paradiso per Maroccini, la vittoria andò alla “Simonetta”, vettura tutta made in Pesaro progettata da Domenico Benelli con al volante una tantum il giovane Tarquinio Gennari, che prevalse anche sul veloce Vici al volante di una performante “Berlinetta” ultra aerodinamica con la quale si era ben comportato alla recente Mille Miglia. Di rilievo anche la prestazione del giovanissimo Luigi Serafini, “spinto” dall’omonimia con il celebre Dorino, il pesarese oltre a vincere la Categoria Turismo, Classe oltre 1.100 cc, piazzò la sua Lancia Aprilia al quarto posto assoluto, precedendo diverse vetture della più potente Categoria Sport.

Coppa Faro 1970

Dopo un’attesa di 20 anni, i bolidi ritornano a rombare sulla Panoramica San Bartolo nel week end del 27-28 maggio 1970, un’edizione rinnovata nel “titolo” – Coppa Faro – con un carattere più nazionale che richiamò a sfidarsi sui tornanti della “Pano”, a differenza della prima -Coppa Camera di Commercio-, oltre 70 piloti provenienti da tutta Italia. L’evolversi naturale nella produzione automobilistica nel così detto “boom” economico degli anni ’60 e ’70, si trasferì anche nelle corse, con la progettazione di nuove e potenti vetture Sport e Prototipi, che affiancandosi alle Turismo e Gran Turismo “preparate” per le gare, costituivano un parco macchine di rilievo nelle competizioni.
Molte di queste vetture si potranno ammirare in questa nuova edizione “moderna” della Coppa Faro. Tornando al 1970, difronte ad un folto pubblico che prese d’assalto i terrapieni lungo il percorso, la vittoria andò alla Ferrari “Dino” barchetta dello specialista siciliano Pietro Lo Piccolo, che precedette la sorprendente B.M.W. 2002 TI di Dolcetti, mentre sul terzo gradino del podio salì Francesco Migliarini con la Porsche 911 . Lo Piccolo, scomparso da pochi anni è stato uno dei più grandi interpreti delle corse in salita di quegli anni, vincitore di numerose gare in salita e autore di brillanti prestazioni nella “sua” Targa Florio.

Pietro Lo Piccolo vincitore Coppa Faro 1970

L’edizione della Coppa Faro del 1970, è stata riassunta in un filmato dell’operatore Roy Pagliacci, ed è visibile, oltre che sulla home page del sito, anche sul canale YouTube cliccando: Coppa Faro –Roy dpg-.

Coppa Faro 2018

La Coppa Faro 2018, è nata da un’idea del pilota pesarese Alessandro Rinolfi, plurititolato campione italiano di Auto Storiche, in pista ed in salita e realizzata grazie alla collaborazione della “P&G Racing” Società specializzata in eventi motoristici, appoggiata con entusiasmo dal Comune di Pesaro, sotto l’egida del marchio “We Pesaro”, città europea dello sport, dall’ Ente Parco Naturale San Bartolo, dalla Provincia di Pesaro-Urbino, dall’Assessorato al Benessere del Comune e dal Rotary Club “Rossini”. Con altrettanta passione hanno dato il loro patrocinio le tre realtà motoristiche pesaresi legate al mondo dei motori: ACI Pesaro-Urbino, il Moto Club Tonino Benelli e la neonata associazione “Terra di Piloti e Motori”, creata per celebrare e diffondere l’importante tradizione motoristica di Pesaro.
Il 13 e 14 ottobre si preannuncia un week end ad alto tasso di spettacolo e adrenalina, le Cronoscalate o Corse in Salita sono la più antica tipologia di competizioni, una gara individuale contro il cronometro che richiede ai piloti non solo il “piede” pesante, ma anche precisione e conoscenza del percorso. A “rombare” sui tornanti della Panoramica tutte le auto che hanno

fatto la storia delle corse e che sono ancor oggi protagoniste delle gare per auto storiche, dalle piccole “bombe” create su modelli Fiat dal genio di Carlo Abarth, ai bolidi dell’altro marchio italiano dal glorioso passato sportivo, l’Alfa Romeo con diversi modelli che hanno scritto pagine leggendarie nelle corse, così come le Porsche, le Jaguar, le B.M.W., le Mini Cooper e le spettacolari e velocissime “barchette” della categoria Sport e Prototipi, come le Osella, per chiudere con le F.3 e F. Abarth, le così dette –ruote scoperte- protagoniste in pista come in salita.

Il 13 e 14 ottobre sta per arrivare, ed inizia lo…spettacolo della “Coppa Faro”

Roberto Saguatti


La Coppa Faro torna a Pesaro 40 anni dopo, ecco il programma

Dal 12 al 14 ottobre. Ricci: “Sarà uno spettacolo”

Presentazione Stampa Pesaro 10/10/2018

Pesaro, 10 ottobre 2018 – Rombo di motori per la prima edizione della “Coppa Faro”. La manifestazione, che si svolgerà anche tra i tornanti della Panoramica del San Bartolo dal 12 al 14 ottobre, torna in città dopo quasi 40 anni di assenza. Nato negli anni ’50, per circa 20 anni è stato uno degli eventi più attesi da tutti gli appassionati di motori. “Una nuova opportunità a rimarcare la nostra identità legata ai motori – ha detto il sindaco Matteo Ricci -, al tempo stesso, a valorizzare uno dei luoghi più belli del nostro territorio. Sarà sicuramente uno spettacolo e speriamo che le persone che arrivano nella nostra città in questo periodo dell’anno possano innamorarsene e decidere di ritornare”.

Ecco il programma: appuntamento venerdì pomeriggio a Baia Flaminia, dove sarà allestito il paddock. Sessanta gli equipaggi che prenderanno parte alla gara nazionale di velocità a cronometro; i concorrenti arriveranno venerdì e procederanno a effettuare le verifiche sportive e tecniche. Sabato la parata di auto storiche, a partire dalle 13.30, mentre la gara di velocità partirà alle 14. Domenica parata di auto alle 8.30 e alle 9 partenza della gara. Il percorso si sviluppa su quasi 4km, con partenza all’altezza del ristorante Bel Sit e arrivo poco prima del ristorante Gibas. Due le manche di prova sabato 13 ottobre e due le gare domenica 14 ottobre. “Siamo una città che continua ad avere voglia di ospitare eventi diversi tra loro – ha detto l’assessore Della Dora -. Abbiamo avuto un’adesione alta, 60 iscritti, superando così le più rosee aspettative”.

L’evento vedrà coinvolte circa 200 persone, gli equipaggi provengono da tutta Italia, e di questi due sono pesaresi. Uno dei due pesaresi partecipanti è Alessandro Rinolfi, ideatore della competizione. L’iniziativa è organizzata dalla P & G Racing di Perugia. Per Alberto Paccapelo, presidente dell’associazione ‘Terra di piloti e motori’, l’iniziativa “va a recuperare una bella tradizione, e speriamo anche che diventi una competizione ‘classica’. Un primo evento per il recupero della tradizione motoristica della città, che è uno degli obiettivi dell’associazione”.

Notizia dal Sito Resto del Carlino


Rombano i motori a Pesaro con la “Coppa Faro”

Il sindaco Ricci: “Una nuova opportunità che va a rimarcare la nostra identità legata ai motori”

Riprendono a rombare i motori sui tornanti della ‘Panoramica’ del parco San Bartolo. Dal 12 al 14 ottobrePesaro ospiterà la prima edizione della ‘Coppa Faro’, prestigiosa manifestazione nazionale organizzata in precedenza per diversi lustri in città, fino agli anni ’70. Un evento nato negli anni ’50, che ha sempre riscosso grande favore dal parte del pubblico e degli appassionati di motori.

“Si tratta di un nuovo evento, che va a riproporre una manifestazione che non si teneva da decenni ha detto il sindaco Matteo Ricci -. Una nuova opportunità a rimarcare la nostra identità legata ai motori, e, al tempo stesso, a valorizzare uno dei luoghi più belli del nostro territorio: il parco San Bartolo.

Un evento che va ad aggiungersi ai tanti organizzati in questi anni: moto raduni, moto storiche, auto storiche… con Pesaro che sta diventando molto conosciuta in questo ambito. Sarà sicuramente uno spettacolo e speriamo che le persone che arrivano nella nostra città in questo periodo dell’anno possano innamorarsene e decidere di ritornare”.

L’appuntamento è a Baia Flaminia, nel pomeriggio di venerdì 12 ottobre, dove sarà allestito il paddock. Sessanta gli equipaggi che prederanno parte alla gara nazionale di velocità a cronometro; i concorrenti arriveranno venerdì e procederanno a effettuare le verifiche sportive e tecniche. Sabato la manifestazione inizierà con una parata di auto storiche, alle ore 13.30, mentre la gara di velocità partirà alle 14.

Domenica parata di auto alle 8.30 e alle 9 partenza della gara. Il percorso si sviluppa su 3,800 km, con partenza all’altezza del ristorante Bel Sit e arrivo poco prima del ristorante Gibas. “Siamo molto contenti di ospitare questa iniziativa, che punta a riportare in primo piano la vocazione motoristica della nostra città – interviene l’assessore allo sport Mila Della Dora -.

La manifestazione, sarà un volano importante anche dal punto di vista turistico, in quanto contribuirà ad attirare nella nostra città tanti appassionati di motori e di auto storiche”. L’evento vedrà coinvolte circa 200 persone, gli equipaggi provengono da tutta Italia, e di questi due sono pesaresi. Uno dei due pesaresi partecipanti è Alessandro Rinolfi, ideatore della competizione.

“Ci stiamo lavorando da un anno, è una manifestazione che abbiamo cercato di far ripartire dopo 48 anni – spiega Rinolfi –, l’ultima volta era stata organizzata nel 1970. Voglio ringraziare l’Amministrazione comunale che ci ha subito appoggiato, sindaco e assessore su tutti, e gli sponsor che ci hanno supportato. Abbiamo anche deciso di devolvere una piccola quota dell’evento alla nazionale di pallacanestro sorde”. L’iniziativa è organizzata dalla P & G Racing di Perugia.

Per Alberto Paccapelo, presidente dell’associazione ‘Terra di piloti e motori’, l’iniziativa “va a recuperare una bella tradizione, e speriamo anche che diventi una competizione ‘classica’. Come associazione ‘Terra di piloti e motori’ non posso che esprimere una grande soddisfazione per questa iniziativa che abbiamo voluto fortemente. Un primo evento per il recupero della tradizione motoristica della città, che è uno degli obiettivi dell’associazione”.

Due le manche di prova sabato 13 ottobre e due le gare domenica 14 ottobre. “Siamo una città che continua ad avere voglia di ospitare eventi diversi tra loro – ha detto ancora l’assessore Della Dora -. Un evento come questo mancava da tanti anni, però abbiamo avuto un’adesione alta, 60 iscritti… superando così le più rosee aspettative…E ciò vuol dire che c’è entusiasmo e un’ottima organizzazione”.

Notizia dal sito PesaroUrbinoNotizie.it

Notizia dal sito Comune di Pesaro


Rombano i motori delle auto storiche sui tornanti della Panoramica. Ecco la prima edizione della Coppa Faro

di 

10 ottobre 2018

PESARO – Con la conferenza stampa tenutasi questa mattina nella “Sala Rossa” del Comune di Pesaro, alla presenza del Sindaco Matteo Ricci e dell’Assessore al Benessere con delega allo Sport Mila Della Dora, ha preso il via ufficialmente la “1^ Coppa Faro”, gara nazionale di velocità in salita riservata alle Auto Storiche, che sabato e domenica prossima vedrà sfidarsi nel suggestivo percorso della Panoramica San Bartolo, i maggiori specialisti di questo tipo di competizioni. Un evento voluto ed ideato dall’appassionato pilota pesarese Alessandro Rinolfi, plurititolato di auto d’epoca sia in pista che in salita, coadiuvato da un gruppo di altrettanto appassionati marchigiani composto da organizzatori e piloti, decisi a rilanciare una gara che ebbe tanto successo negli anni ’70. L’organizzatore è la “P & G Racing srl”; e come ha sottolineato lo stesso Rinolfi questa mattina, la manifestazione non sarebbe stato possibile realizzarla senza il fattivo contributo e patrocinio delle istituzioni, enti ed associazioni cittadine quali: Comune di Pesaro, Ente Parco San Bartolo, Terra di Piloti e Motori, rappresentato in conferenza dal Presidente Dott. Alberto Paccapelo,  Provincia Pesaro-Urbino, Rotary Club Pesaro Rossini , con la Presidente Dott.ssa Natascia Baiocchi, ACI PESARO-URBINO, con il Presidente Avv. Comandini e la Direttrice dott.ssa Antonella Mati in prima linea ,ed il Moto Club Benelli Pesaro.

L’ultima edizione della Coppa Faro venne disputata il 28 maggio del 1970 e vide la vittoria dell’indimenticato specialista siciliano Pietro Lo Piccolo con la Ferrari Dino. Il percorso ricalca quello storico di 3,800 Km, che si arrampicano dalla suggestiva Baia Flaminia, fino al Faro che sovrasta il Porto di Pesaro, un misto tecnico e veloce tutto da guidare. Due manche di prove il sabato con inizio alle 14, mentre la gara sempre su due salite, prenderà il via alle 9 di domenica mattina. La “nuova” edizione della Coppa Faro prevede anche il coinvolgimento di Auto d’Epoca e Super Car stradali, che con una parata daranno il via alla competizione. Una sessantina le vetture iscritte, con la presenza dei migliori piloti del Campionato Italiano, per il programma completo della Coppa Faro consigliamo di consultare il sito https://coppafaro.com

L’appuntamento è a Baia Flaminia, nel pomeriggio di venerdì 12 ottobre, dove sarà allestito il paddock. Sessanta gli equipaggi che prederanno parte alla gara nazionale di velocità a cronometro; i concorrenti arriveranno venerdì e procederanno a effettuare le verifiche sportive e tecniche. Sabato la manifestazione inizierà con una parata di auto storiche, alle ore 13.30, mentre la gara di velocità partirà alle 14. Domenica parata di auto alle 8.30 e alle 9 partenza della gara. Il percorso si sviluppa su 3,800 km, con partenza all’altezza del ristorante Bel Sit e arrivo poco prima del ristorante Gibas. Due le manche di prova sabato 13 ottobre e due le gare domenica 14 ottobre.

“Si tratta di un nuovo evento, che va a riproporre una manifestazione che non si teneva da decenni – ha detto il sindaco Matteo Ricci -. Una nuova opportunità a rimarcare la nostra identità legata ai motori, e, al tempo stesso, a valorizzare uno dei  luoghi più belli del nostro territorio: il parco San Bartolo. Un evento  che va ad aggiungersi ai tanti organizzati in questi anni: moto raduni, moto storiche, auto storiche… con Pesaro che sta diventando molto conosciuta in questo ambito. Sarà sicuramente uno spettacolo e speriamo che le persone che arrivano nella nostra città in questo periodo dell’anno possano innamorarsene e decidere di ritornare”.

Mila Della Dora, Matteo Ricci, Alessandro Rinolfi e Alberto Paccapelo

“Siamo molto contenti di ospitare questa iniziativa, che punta a riportare in primo piano la vocazione motoristica della nostra città – interviene l’assessore allo sport Mila Della Dora -. La manifestazione, sarà un volano importante anche dal punto di vista turistico, in quanto contribuirà ad attirare nella nostra città tanti appassionati di motori e di auto storiche”.  L’evento  vedrà coinvolte circa 200 persone, gli equipaggi provengono da tutta Italia, e di questi due sono pesaresi. Uno dei due pesaresi partecipanti è Alessandro Rinolfi, ideatore della competizione. “Ci stiamo lavorando da un anno, è una manifestazione che abbiamo cercato di far ripartire dopo 48 anni – spiega Rinolfi -, l’ultima volta era stata organizzata nel 1970. Voglio ringraziale l’Amministrazione comunale che ci ha subito appoggiato, sindaco e assessore su tutti, e gli sponsor che ci hanno supportato. Abbiamo anche deciso di devolvere una piccola quota dell’evento alla nazionale di pallacanestro sorde”. L’iniziativa è organizzata dalla P & G Racing di Perugia.

Per Alberto Paccapelo, presidente dell’associazione ‘Terra di piloti e motori’, l’iniziativa “va a recuperare una bella tradizione, e speriamo anche che diventi una competizione ‘classica’. Come associazione ‘Terra di piloti e motori’ non posso che esprimere una grande soddisfazione per questa iniziativa che abbiamo voluto fortemente. Un primo evento per il recupero della tradizione motoristica della città, che è uno degli obiettivi dell’associazione”.

“Siamo una città che continua ad avere voglia di ospitare eventi diversi tra loro – ha detto ancora l’assessore Della Dora -. Un evento come questo mancava da tanti anni, però abbiamo avuto un’adesione alta, 60 iscritti… superando così le più rosee aspettative…E ciò vuol dire che c’è entusiasmo e un’ottima organizzazione”.

Notizia da pu24.it